Deglutizione atipica
Che cos’è la deglutizione atipica?
14 maggio 2014
Odontoiatra e Odontotecnico
Quali sono le differenze tra Odontoiatra e Odontotecnico?
22 settembre 2014
Mostra tutto

Bruxismo, che cos’è e quali sono le conseguenze?

Digrignare i denti

Digrignare i denti

Per Bruxismo (voce del verbo bruxare) si intende semplicemente digrignare i denti o anche semplicemente stringerli, serrarli con forza. Ma cosa c’è dietro a questo termine tanto usato dai dentisti?

Che tipo di patologia è il bruxismo?

Nella quasi totalità dei casi è una patologia involontaria, spesso non ci si accorge di questa azione, anche perché è molto frequente che si verifichi durante il sonno.

A ogni modo si tratta di una vera e propria patologia che da vita e veri e propri disturbi più o meno gravi.

La causa principale è lo stress, purtroppo in una società dove il “dovere” prevale nettamente sul “piacere” lo stress e la depressione sono all’ordine del giorno.

Come accorgersi del bruxismo

Spesso ci si può svegliare con dolori alla mandibola (articolazione temporo mandibolare), con emicranie o con i muscoli della mandibola tesi e doloranti.

Non sempre ci accorgiamo di questo fenomeno e per questo anche rimediare può essere difficile. Talvolta la muscolatura della mandibola scarica la tensione ai muscoli delle spalle, della schiena e del collo, sovracaricando quello che si conosce come il triangolo muscolare “esterno-cleido-mastoideo”.

Dopo anni di attività di questa patologia i denti mostrano chiari risentimenti come l’appiattimento della morfologia del dente, che tende a diventare piatto e non più acuminato perdendo parte della propria capacità masticatoria, dando vita anche a episodi più o meno acuti di sensibilità (caldo, freddo).

Bruxismo: quali le conseguenze?

Una delle conseguenze più gravi è sicuramente la perdita della dimensione verticale.

Per dimensione verticale di intende molto semplicemente “la distanza dalla punta del naso alla punta del mento” , misurata con i denti in contatto.

Questa perdita di altezza porta a veri e proprio disturbi all’articolazione della mandibola, conseguenti dolori e fastidiosi “clik“ in fase di apertura e chiusura. Inoltre aiuta l’invecchiamento precoce dei tessuti periorali, aumentando i solchi delle rughe e l’avvicendarsi delle stesse.

Tutto questo è semplicemente evitabile con una regolare visita dal Dentista e con un Bite, che altro non è che una stampa in plastica rigida della nostra arcata dentaria che, grazie ad uno spessore calcolato, impedisce il danneggiamento dei denti, alleggerisce la carica dei muscoli incaricati di aprire e chiudere la bocca (su tutti il muscolo “masetero”), tenendo l’articolazione in una “posizione di riposo” .

In questo modo eviteremo noiosi mal di testa, dolori muscolari, dolori articolari e rughe accentuate e antiestetiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *