Rx digi-fosfori
Diminuire le radiazioni dal dentista. Come è possibile?
2 ottobre 2014
Mostra tutto

Sai che le vecchie otturazioni “scure” – amalgame – contengono mercurio?

Come rimuovere le amalgame in mercurio

Esattamente: le vecchie otturazioni dette in “amalgama“ contengono mercurio. La composizione completa è argento, stagno, rame e, come abbiamo detto, mercurio.

Questo materiale è stato il primo usato dai dentisti per otturare le cavità lasciate dalle carie, probabilmente a quei tempi è stata presa un po’ “sotto gamba” la problematica del mercurio tanto che sono diversi anni che nei paesi del nord europa non è più consentito usare l’amalgama come materiale odontoiatrico.

Questo perché si è dimostrato che questi restauri in bocca rilasciano piccole quantità di mercurio che nel tempo possono dare vita a veri e propri quadri di “intossicazione da mercurio“. Questi continui rilasci possono infatti vedere coinvolti il tratto intestinale, il sistemo nervoso, i muscoli e pure l’apparato genitale.

Di fatti abbiamo in studio una “anamnesi“ specifica per l’intossicazione da mercurio che ci aiuta a capire in che modo e in che misura il mercurio stia agendo nel nostro organismo.

Come rimuovere le amalgame con mercurio

Come rimuoverle? Ovviamente rimuovendole con le frese delle nostre turbine si rilasciano tante piccole particelle che sono molto più dannose della precedente forma compatta, per questo bisogna assicurare un perfetto isolamento del dente in questione dal resto della bocca del paziente (con diga di gomma, categoricamente) per evitare appunto che il mercurio venga ingerito dal paziente.

Inoltre verranno coperti occhi e naso anche al paziente con una mascherina, per evitare che possa inalare la “polvere“ che la rimozione dell’amalgama genera.

Nelle ricostruzioni di amalgama più estese dopo la rimozione il dente può soffrire di sensibilità che non sempre è reversibile, ma anche questo fa parte dell’effetto del mercurio che “ottunde “ la sensibilità della polpa (degli input nervosi del dente).

Se credi che queste indicazioni possano servire ai tuoi amici ti chiedo di condividere questo articolo, altrimenti, se dovessi trovarti nella situazione sopra descritta chiamaci o passa a trovarci per un consulto e per risolvere definitivamente il problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *